IL MANAGER DEI GRANDI LAGHI

Sergio Marchionne

di Generoso D'Agnese
Sergio Marchionne
Aveva 13 anni, Sergio Marchionne, quando lasciò la sua Abruzzo alla volta del Canada. Papà Concezio, carabiniere, scelse di trasformare il suo pensionamento in una nuova opportunità di vita e si trasferì a Toronto per dar man forte a un parente imprenditore. Con portò moglie e i figli Sergio e Luciana , e i loro futuri.
Papà Concezio era nato a Cugnoli, figlio di Alfonso e fratello di altri dieci fratelli. Nel 1952 divenne padre di Sergio. Il pensionamento e l’offerta di un cugino residente a Toronto non lasciò indifferente il maresciallo dei Carabinieri. Nel 1966, la famiglia Marchionne decise di trasformarsi in emigrante e lasciò Chieti alla volta del Canada. Il futuro amministratore delegato della FIAT, dopo un primo momento di adattamento alla nuova situazione, si integrò perfettamente nelle scuole canadesi e si diplomò brillantemente per poi proseguire gli studi nell’area economica e giuridica. Nel 1985 ottenne la laurea di dottore commercialista e divenne contemporaneamente segretario della sezione di Toronto dell’Associazione Nazionale Carabinieri. La sezione infatti era stata fondata dal padre Concezio che, arrivato nella metropoli americana, si premurò di raccogliere intorno a un focolare tutti gli italiani che avevano prestato servizio nella Benemerita. Rafforzati i legami anche con il matrimonio con Orlandina, un’italoamericana originaria di Scafa nel 1987 Sergio Marchionne ottenne anche la laurea in giurisprudenza, iniziando il suo percorso da procuratore legale e da avvocato. Deloitte Touche e Lawson Mardon Group danno corpo a una brillante carriera di un giovane italocanadese, perfetto conoscitore di cinque lingue. Negli anni ‘89 e ‘90 Marchionne divenne vice presidente esecutivo della Glenex Industries, mentre negli anni seguenti il suo nome si sarebbe legato alle sorti della Acklands Limited, con l’incarico di vice presidente per l’area finanziaria e chief financial officer. Negli stessi anni e sempre a Toronto, il manager ha ricoperto la carica di vice presidente per lo sviluppo legale e aziendale della Lawson Group, incarico mantenuto anche nel momento dell’acquisizione da parte della Alusuisse Lonza nel 1994. Sono anni di nuovi cambiamenti quelli che seguono quest’ultimo episodio. Marchionne infatti accettò di trasferirsi a Zurigo, per seguire il suo incarico di vice presidente esecutivo e di chief financial officer, e infine di amministratore delegato della Algroup. Dopo la separazione del Lonza Group Ltd da Alusuisse, Marchionne è assurto ad amministratore delegato del Lonza fino al 2002, anno in cui è stato chiamato a dirigere il Gruppo Sgs( Societe Generale de Surveillance) di Ginevra. A un anno esatto dall’ultimo balzo professionale è arrivata infine la prestigiosa chiamata ai vertici dell’azienda. La dipartita di Gianni e Umberto Agnelli, la nomina a presidente di Montezemolo (che ne ha intuito le grandi potenzialità) hanno completato un’ ascesa straordinaria per un uomo capace di conservare il suo carattere gioviale e schietto di una terra che tante braccia ha regalato all’emigrazione. Sergio, padre di Tayler e Alessio è stato capace di conservare anche la residenza italiana nel paese paterno senza scalfire il carattere dell’affabile ragazzo abruzzese cresciuto nella provincia

Guarda la galleria multimediale


Sergio Marchionne Sergio Marchionne Sergio Marchionne Sergio Marchionne Sergio Marchionne Sergio Marchionne